Come e perché visitare Pamukkale

pamukkaleI toponimi turchi sono tutti parecchio affascinanti, e Pamukkale non fa eccezione a questa regola di stile.

Il Castello di Cotone (è questo quello che vuol dire pamuk – cotone – e kale -castello-) è uno dei più importanti siti turistici della Turchia, si trova a pochi chilometri dal centro di Denizli e andrebbe visitato da chiunque può dedicargli almeno una giornata.

Si tratta di un enorme sito naturale, che inglobava la vecchia Hierapolis e che si estende per quasi 3 chilometri in lunghezza.

Se volete visitarlo abbiamo messo insieme per voi le informazioni fondamentali per raggiungerlo, per visitarlo e per rimanervi senza problemi.

Dove si trova?

Pamukkale è a 20 chilometri da Denizli, nella parte sud-occidentale del paese. È raggiungibile facilmente da Antalya e da Izmir, ed è una tappa obbligata per chi si trovi ad attraversare quel suggestivo angolo di Turchia.
Pamukkale. Ci sono mezzi che lo raggiungono da Denizli e da Izmir, in aggiunta ai servizi offerti in genere dall’hotel per raggiungere l’importante sito turistico.

Che cos’è?

È un’imponente “costruzione” naturale in calcare e travertino, creata dall’acqua che sgorga dalle fonti, che è carica di ioni di calcio e anidride carbonica.

L’acqua, una volta in superficie e incontrando temperature più basse, precipita, forma il calcare e i travertini che danno il caratteristico colore bianco all’intera struttura.
Il nome viene proprio da qui: a vederlo da lontano sembra un enorme castello di cotone, candido nonostante (ne parleremo più tardi) lo scempio ecologico di cui è stato vittima fino a pochi anni fa.

Patrimonio dell’Unesco

Pamukkale è patrimonio dell’Unesco e l’inserimento nella speciale lista ha contribuito a salvare il sito, che stava per essere distrutto da interessi privati irrispettosi del delicatissimo equilibrio del sito.
Dopo l’inserimento nel patrimonio dell’Unesco, è stato dato il via ad un’opera di recupero che sta finalmente dando i risultati sperati, riportando il sito alla sua condizione originale.
Sarà comunque un percorso lungo, dato che gli interventi effettuati durante il XX secolo continueranno a lasciare il loro segno per ancora molti anni.
Non per questo però non vale la pena spendere una giornata per visitare questo sito straordinario.

Le vasche termali

Pamukkale è frastagliato di vasche termali, dove però (grazie a dio aggiungiamo noi) non è più consentito l’accesso ai turisti. Il bagno, per chi volesse farlo, è disponibile in apposite piscine che sono state costruite nell’area per evitare che le persone continuino a inquinare con saponi e detergenti le vasche naturali.
È proprio a causa di quello che è avvenuto in passato che troverete alcune delle vasche vuote: i frequenti bagni dei turisti, utilizzando saponi dalla composizione chimica aggressiva, avevano reso le vasche torbide, motivo per il quale sono state svuotate e bonificate in attesa che vengano riempite di nuovo da madre natura.

Gli alberghi

Nell’area non sono più disponibili alberghi che insistono direttamente sulla superficie di Pamukkale.

È stato uno dei più grandi scandali ecologici degli ultimi decenni: venne infatti concessa l’autorizzazione per costruire strutture ricettive direttamente sul sito, con canalizzazioni per piscine private e scarichi che contribuirono al danneggiamento dell’area.

Oggi gli alberghi ci sono comunque, ma a distanza di sicurezza dal sito, e offrono in genere pacchetti completi con spa, fanghi e massaggi, in ossequio alle fonti termali di cui l’area è ricca.

Vale la pena visitarlo?

Assolutamente si, soprattutto da quando l’Unesco ci ha messo le mani e ha impedito ad una industria turistica selvaggia di farne scempio. Pamukkale è una delle nostre attrazioni turistiche preferite, una di quelle che renderanno il vostro soggiorno in Turchia uno di quelli assolutamente indimenticabili.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons