Il 10 Agosto si vota per il nuovo presidente della Repubblica Turca

ihsanoglu elezioniPer la prima volta nella storia del paese, il 10 Agosto il popolo turco sarà chiamato a votare direttamente per eleggere il presidente della Repubblica Turca.

Si tratta di una tornata elettorale molto importante, soprattutto in vista dell’attesa svolta presidenzialista in caso di vittoria di Recep Tayyip Erdoğan, primo ministro del paese in carica.

I principali contendenti sono tre e dopo la fine del Ramadan la campagna elettorale è entrata nel vivo, con i sostenitori di ogni fazione che hanno cominciato a riempire le piazze e ad imbrattare l’altrimenti bellissima Istanbul di manifesti.

Strafavorito il Primo Ministro in Carica

Si tratta di una tornata elettorale che, secondo molti commentatori, avrebbe già un vincitore. Si tratta del popolarissimo Erdoğan, che nonostante gli scandali che hanno investito la compagine governativa negli ultimi mesi sembra essere sempre di più saldamente al potere.

A contrastarlo due candidati, che sono stati nominati dai partiti di opposizione non dopo problemi che hanno coinvolto sia la base elettorale sia i vertici dei partiti stessi, partorendo nomi che hanno finito per scontentare gli elettori avversi a RTE.

Per i kemalisti e i nazionalisti un candidato… religioso

Quello che ha più stupito i commentatori è stata la scelta congiunta di CHP e MHP, i due principali partiti di opposizione, che hanno designato come avversario del premier in carica il Dott. Ekmeleddin Ihsanoğlu, personaggio molto rispettato nel paese ma che ha finito per scontentare i più laici tra i sostenitori dei due partiti.

Ihsanoğlu vanta infatti una lunga carriera accademica che ha però sempre guardato all’Islam come elemento unificante delle culture turche e del medio-oriente. Personaggio di grande fede, sembra, sulla carta almeno, molto distante dallo stereotipo di candidato in quota kemalista.

Purtroppo per lui e per i suoi sostenitori, non è l’unica distanza di cui Ihsanoğlu dovrà preoccuparsi. Il distacco che lo divide dal favorito Erdoğan è sostanziale, e già anche soltanto sperare nel secondo turno sembra, almeno per il momento, lontano dalle possibilità dell’accademico.

Demirtaş per la sinistra dell’HDP

Il terzo e ultimo candidato è Selahattin Demirtaş, leader indiscusso dell’HDP, uno dei partiti più a sinistra dell’intero quadro politico turco. Sostenitore dei diritti delle minoranze, Demirtaş proverà a migliorare il risultato del suo partito nei confronti dell’ultima tornata elettorale, quella che pochi mesi fa ha deciso i sindaci delle città della Repubblica Turca.

Ballottaggio il 17 Agosto

Nel caso in cui RTE non riuscisse a totalizzare almeno il 50% dei voti durante la prima tornata, si dovrà ricorrere ad un ballottaggio, che avverrà il 17 Agosto 2014, ad una settimana di distanza dalle prime votazioni.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons