ISID: arriva l’allerta per gli Italiani

isid turchiaIl consolato italiano di Istanbul ha diffuso una nota, inviata via SMS anche a chi è registrato all’AIRE in questa città, invitando i nostri concittadini alla massima cautela.

Il problema è noto e riguarda i recenti sviluppi della guerra civile in Siria, che vede tensioni che si sono sviluppate tra la popolazione curda e lo Stato Islamico recentemente sulla bocca (e sulle pagine di tutti).

Vediamo insieme di cosa si tratta e quali consigli possiamo dare a chi stia organizzando un viaggio a Istanbul.

Evitare gli assembramenti

Molte zone di Istanbul, sebbene decisamente periferiche, vedono ancora manifestazioni da parte della popolazione: da un lato si fronteggiano i sostenitori dei curdi, dall’altro invece le frange della popolazione più vicine all’estremismo religioso.

Per nessun motivo è consigliabile rimanere nei pressi di tali manifestazioni, dato che si sono registrate violenza sia da parte dei manifestanti che da parte della polizia. 

Allarme per centri commerciali e metro

L’allarme diffuso dal Consolato Italiano a Istanbul riguarda anche centri commerciali e metro, che in passato sono stati oggetti di attacchi terroristici e che oggi, però, sembrano essere al sicuro.

Durante le fasi più concitate del confronto tra diverse frange della popolazione, secondo il Consolato è consigliabile evitare di utilizzare sia le metro sia di fare ingresso nei centri commerciali.

Quanto è reale il pericolo?

La situazione sembra piuttosto tranquilla a dire il vero, fatta eccezione per qualche realtà estremamente periferica e marginale, che non interessa comunque chi è in viaggio verso Istanbul per motivi di turismo. Anche le zone industriali della città sembrano essere rientrate sotto il completo controllo delle autorità e non sembrano esserci problemi di sorta.

È comunque consigliabile non ignorare quanto indicato dal Consolato e avvisare le autorità consolari della vostra presenza per tutto il periodo di permanenza.

In questo modo, nel caso in cui la situazione dovesse peggiorare, le autorità italiane sarebbero in grado di contattarvi quanto prima per un eventuale rimpatrio.

Articoli che ci piacciono

Loading...

5 commenti

  1. Grazie Gianluca.
    Quando hai pubblicato questo articolo?

    Max

  2. Dato che stavo pensando di andare in vacanza a Istanbul per Pasqua, vorrei sapere com’è attualmente la situazione.

    Grazie

  3. Io farò la settimana di pasqua a Istanbul e a settembre mi trasferirò lì a vita, è una città meravigliosa che ho scoperto 4 anni fa che mi ha rapito il cuore (anche più di Roma che considero la seconda città più bella del mondo dopo Istanbul) ma ammetto anche che i miei gusti sono stati influenzati dall’amore per una donna che ho trovato in questa città e con la quale andrò a vivere, ma do un consiglio a tutti: io abito in una zona dell’Italia chiamata Brianza e vi posso garantire che qui ci sono gran bei posti tra pianura, lago, montagna, locali notturni eccetera…ma purtroppo (generalizzando) abitando in provincia si ha spesso a che fare con gente “provinciale” con pensieri un po’ bigotti, primordiali e retrogradi derivati dalle abitudini di queste persone che hanno vissuto sempre nei loro paesini per una vita e tutto quello che c’è al di fuori o è brutto o è pericoloso o fa schifo se non è la Brianza (e purtroppo queste cose vengono trasmesse di generazione in generazione dato che io ho 23 anni e sento gente della mia età parlare in maniera assolutamente primordiale). A questo proposito, non fatevi influenzare da quello che dice la gente come nel mio caso, che dicono che la turchia fa schifo perchè è un paese musulmano e Istanbul fa schifo e si fanno saltare tutti in aria; se siete un po’ di “larghe vedute” e con la mentalità aperta come lo sono io fregatevene di quello che vi dice la gente e andate a visitarla! Non avete idea di quanta ignoranza e superficialità ho incontrato in certe persone! perchè io là ci ho lasciato il cuore IN TUTTI I SENSI, se volete farvi un bel vaggio questa città fa al caso vostro! parola di uno che sta per andare a viverci per tutta la vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons