Istanbul: stretta sulla sicurezza dopo gli attentati di Parigi

polizia istanbulDopo l’attentato che ha sconvolto Parigi, anche ad Istanbul e dintorni si sono rinforzate le misure di sicurezza, dato che la città turca è da sempre in cima alla lista degli interessi dell’ISIS.

Secondo quanto diffuso dalle autorità turche, il 13 Novembre sarebbe stato sventato un attentato proprio nel centro di Istanbul, vicino Taksim, grazie ad un’operazione speciale di polizia.

Sarebbero stati arrestati 5 membri dell’ISIS, di cui uno molto vicino al Jihadi John che sarebbe stato ucciso, sempre la scorsa settimana, durante un Raid Americano.

Si tratta di una notizia abbastanza sconvolgente, dato che fino ad oggi non erano mai state diffuse notizie che riguardano presunti attacchi nella città di Istanbul.

Intanto le Ambasciate rinnovano gli avvertimenti

Chi vive in Turchia, come chi vi scrive questo articolo, continua a ricevere avvertimenti dall’Ambasciata Italiana, che invita alla massima prudenza e ad evitare luoghi particolarmente affollati, manifestazioni politiche, luoghi di grandi assembramenti come stadi e palazzotti.

Lo stesso ovviamente vale anche per chi si reca nel paese per motivi lavorativi o turistici: è richiesta la massima attenzione, forse in modo non maggiore di quanto fareste in una qualunque capitale europea in questi giorni, ma sicuramente attenzione alle situazioni particolari che potrebbero causare problemi.

Quanto è grave la situazione?

La situazione non è grave e sembra che la vita scorra ad Istanbul con la massima tranquillità. Certo, le avvertenze rilasciate dalle Ambasciate fanno il paio con quelle che sono le preoccupazioni delle autorità turche.

Non sembra però ci siano preoccupazioni aggiuntive a quelle che si percepiscono, in questi giorni, nelle maggiori città europee. È il momento giusto per un viaggio? Forse sì, forse no, anche se non si correrebbero poi più rischi di quelli che si correrebbero a Roma o a Milano.

Comunicare il proprio arrivo alla Farnesina

Consigliamo comunque di comunicare il proprio arrivo alla Farnesina, dato che in caso di problemi sarete pronti per essere rimpatriati con le strutture che verranno messe a disposizione dal nostro Ministero degli Esteri.

La situazione, comunque, non sembra essere più grave di quanto lo era qualche mese fa, con la rielezione del partito di Erdogan che sembra aver portato stabilità, di nuovo, nel paese.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons