La Danza Sufi dei Dervisci Rotanti

sufiLa danza dei Sufi è un’attrazione turistica in piena regola ed oggi ci interessa però indagare quelle che sono le cause e le tradizioni che animano quello che è uno dei fenomeni culturali più interessanti della Turchia.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

La meditazione

La danza dei Sufi è uno dei pochi casi al mondo di meditazione attiva, ovvero di meditazione che non vede il meditante seduto e in posizione di riposo, ma piuttosto durante un’attività fisica, spesso di notevole sforzo.

Attraverso questo tipo di meditazione, i Sufi cercano di raggiungere la perfezione (kemal) tramite l’abbandono del proprio io, dei propri desideri e cercando, grazie alla musica, di raggiungere l’estasi di Dio.

Si tratta di una danza molto risalente nel tempo, che aveva luogo nelle tarikat, delle specie di confraternite religiose simili a quelle dei nostri frati e che oggi, purtroppo, si è trasformata in un fenomeno turistico e di costume.

Ne vale la pena visitare una di queste confraternite?

Decisamente sì, perché si tratta comunque di una cerimonia intrisa di misticismo, di pathos, di riflessione e di abbandono, particolarità che riescono, spesso e volentieri, a coinvolgere anche il pubblico.

Il nostro consiglio è quello di scegliere una delle cerimonie di Istanbul (che potete trovare qui) e di parteciparvi, costi quello che costi.

I Sufi oggi

Le comunità di dervisci oggi hanno perso molto del loro ruolo sociale e sono state messe ai margini, soprattutto dopo la riforma kemalista del culto religioso. Dal 1954 sono tornate ad essere legali, anche se non sono più in grado di esercitare quel ruolo primario sociale che gli era garantito durante l’epoca medievale.

Molta scena, forse troppa, in una cerimonia mistica che però è ancora in grado di raccontare l’anima religiosa più profonda della Turchia, qualcosa che forse solo una notte a contemplare le danze dei dervisci potrebbe spiegarvi.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons