Ospedali in Turchia: qual è la situazione?

salute turchia ospedaliChi vuole rimanere in Turchia si preoccuperà, giustamente, della qualità dell’assistenza sanitaria che potrà ricevere una volta arrivato nel paese.

Le preoccupazioni sono più che legittime, dato che stiamo comunque parlando di un paese che, almeno fino a qualche anno fa, aveva seri problemi in questo senso.

Strutture fatiscenti e prezzi astronomici per le strutture private sono però solo un lontano ricordo del passato, soprattutto per chi vive a Istanbul e dintorni.

Tanta qualità, soprattutto dai privati

Il mercato della sanità è molto sviluppato in Turchia, e alle strutture pubbliche (comunque su buoni standard) si affiancano tante strutture private in grado di offrire un servizio se non superiore almeno sugli standard dei migliori ospedali europei.

Il problema si può incontrare al momento di pagare, perché per chi è sprovvisto di assicurazione sanitaria. SI parla di prezzi che ricordano quelli applicati a chi ha avuto la sventura di essere ricoverato negli Stati Uniti d’America.

Obbligatoria l’assicurazione per chi vive in Turchia

Chi vive in Turchia è invece costretto a stipulare una assicurazione sanitaria privata, che prevede prezzi che variano tra le 1.000 e le 2.000 lire turche (a seconda della fascia d’età) e che in genere offre coperture totali per qualunque tipo di intervento.

In caso di polizza assicurativa non completa, i costi sono coperti in percentuale variabile dalla compagnia (in genere tra il 60% e l’80%), aiuto che comunque riduce e di molto le salatissime parcelle praticate dagli ospedali privati.

Conviene stipulare una assicurazione per un viaggio breve?

Certo che si. Non si sa mai cosa può succedere mentre ci si trova all’estero, e data la qualità degli ospedali turchi l’unica preoccupazione rimane davvero soltanto quella di pagare la parcella. Parcella salata in caso di mancata assicurazione, ma che diventa più che affrontabile se a coprire le nostre spese ci sarà la nostra polizza assicurativa.

Quindi fatevi furbi e non cercate di risparmiare pochi euro per poi trovarvi con un conto astronomico da pagare.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons