Relitti romani in mostra al Museo Archeologico di Istanbul

mostra-reperti-romani-ISTANBULMarmaray, il treno che unirà la parte asiatica a quella europea di Istanbul, è stato inaugurato da pochissimo. Per chi non vive nella città di Istanbul si tratta di una notizia di scarsa importanza, non fosse che gli scavi per il nuovo treno metropolitano hanno portato alla luce reperti di inestimabile valore.

Gli esperti del settore non sembrano esagerare, almeno questa volta.

Sono stati infatti ritrovati 37 relitti in ottimo stato di conservazione, accompagnati dal carico, anch’esso in ottimo stato di conservazione.

Se siete a Istanbul prima del 25 Dicembre 2013 dovreste fare a tutti i costi un salto al Museo Archelogico di Istanbul, dove i relitti e il relativo carico saranno esposti in una mostra aperta a tutti.

La storia del ritrovamento

Gli scavi per Marmaray, un treno metropolitano che collegherà, una volta ultimati i lavori, la parte più a ovest dell’enorme Istanbul con quella più a est, sono stati rallentati dal ritrovamento di reperti di incredibile importanza.

Sono venute alla luce 37 navi romane perfettamente conservate, reperti e ossa umane risalenti addirittura al Neolitico e una quantità enorme di vasellame e oggetti della vita di tutti i giorni. Sono reperti che oltre ad offrire uno sguardo di valore inestimabile sulla vecchia seconda Roma, stravolgono quanto si riteneva certo sui primi abitanti di Istanbul.

Ci sarebbero stati insediamenti umani già 8000 anni fa, una datazione molto più risalente della precedente, che fissava i primi insediamenti umani dalle parti di Istanbul intorno al 4000 AC. 

“Abbiamo perso 4 anni per 4 cianfrusaglie”

A contorno della grandiosità della scoperta rimarranno  le parole del primo ministro Recep Tayyip Erdoğan, che superandosi in quella sua rozzezza di cui lo accusa l’opposizione, si è lamentato dei ritardi causati dal ritrovamento di “4 cianfrusaglie”.

Nonostante le cianfrusaglie però, Erdoğan è riuscito ad inaugurare il primo tratto di Marmaray il 29 Ottobre 2013, novantesimo anniversario della nascita della Repubblica Turca.

Una data che, come un po’ tutte le provocazioni del primo ministro, è riuscita ad indispettire l’opposizione, che ha visto nella scelta della data un altro segno della volontà di Erdoğan di sostituirsi, nell’immaginario collettivo turco, al fondatore della repubblica Mustafa Kemal.

relitto romano Yenikapi Istanbul
Una delle quattro cianfrusaglie

I reperti in mostra al Museo Archeologico

Cianfrusaglie o meno, i relitti e i reperti saranno in mostra fino al 25 Dicembre 2013 al Museo Archeologico di Istanbul. Il museo meriterebbe una visita comunque, e se siete di passaggio prima di Natale non dovreste perdere questa occasione irripetibile.

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 09:00 fino alle 19:00 (Lunedì escluso). Il biglietto costa 10 lire turche (al cambio attuale meno di 4€).

mappa-museo-archeologico-istanbul

Come arrivare al Museo

Il museo è dalle parti di Sirkeci, non lontano dal posto dove passerete gran parte del tempo mentre siete in visita ad Istanbul.

A piedi

Potrete arrivare al museo a piedi, muovendovi da Sultanahmet in direzione Galata. Troverete il museo dalle parti di Gülhane, a pochi passi dal Palazzo di Topkapı.

In tram

Potete prendere il tram che attraversa Fatih, scendendo alla fermata di Gülhane, che è quella successiva a Sultanahmet, in direzione Kabataş.

In vaporetto

Se siete sul lato asiatico della città, potete arrivare nelle vicinanze del museo con i vaporetti Kadıköy-Eminönü o Üsküdar-Eminönü.

In macchina

Andare da quelle parti in macchina è una cosa da pazzi. A complicare la situazione c’è l’assenza di parcheggi nelle zone vicine al Museo. Lasciate perdere.

 

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons