Turchia: le scuole di Gulen saranno convertite in scuole pubbliche

erdoganUn autentico sconquasso quello che sta riguardando il settore dell’istruzione in Turchia, un paese dove il grosso delle istituzioni universitarie sono private e dove Gulen, che sarebbe dietro il colpo di stato di qualche settimana fa, operava con diversi istituti.

Su tutti gli istituti riconducibili al movimento Hizmet (quello a cui fa capo appunto Fethullah Gulen) ha messo infatti le mani il governo, che li ha prontamente chiusi rimuovendo contestualmente anche gli insegnanti che operavano in quelle università.

Secondo quanto riportato di recente da uomini vicini ad Erdogan, per il nuovo anno scolastico tali istituti saranno prontamente riaperti, sostituendo però la direzione con una al di fuori del movimento di Gulen.

È davvero una lotta contro la libertà di istruzione?

Sul tema si sono già versati fiumi di inchiostro, in Italia e altrove, indicando la questione come un vero e proprio attacco alla libertà di insegnamento. Si tratta però di una questione che non può essere ridotta in contesto così banale: da un lato c’è sicuramente la libertà di aprire edifici dove si insegnerà, ma dall’altro deve essere sicuramente indicato quello che è il contesto entro il quale si sta muovendo il governo di Erdogan, ovvero quello di forze golpiste che hanno attaccato con l’appoggio di infiltrati nell’esercito l’ordine costituito turco.

Revocate le licenze di insegnamento agli insegnanti: cosa si sa per adesso

Sono state anche revocate, e anche questa notizia è arrivata in Europa, le licenze di insegnamento al grosso degli insegnanti iscritti ad un particolare sindacato, quello di Gulen appunto, anche se la loro situazione non è ancora definitiva. Nelle prossime settimane, a indagini concluse, a perdere l’abilitazione all’insegnamento saranno soltanto quegli insegnanti che avranno avuto un ruolo comprovato nelle manovre del golpe.

Tutto lascerebbe intendere, almeno per il momento, che chi non ha avuto nulla a che fare con il movimento di Gulen possa dormire sonni relativamente tranquilli. Staremo a vedere, perché le possibili evoluzioni di quello che è un autentico contro-golpe sono tuttora decisamente imprevedibili.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons