Üsküdar: la perla della Istanbul asiatica

ÜsküdarComplici guide a senso unico, che vedono in Istanbul soltanto il triangolo magico di Sultanahmet, la parte asiatica di questa straordinaria città è spesso sottovalutata.

A farne le spese è, più di gli altri quartieri, Üsküdar, che con la sua posizione ideale proprio di fronte alla bocca del Corno d’Oro, è uno dei luoghi più suggestivi della città tra i due continenti.

Un po’ di storia

Üsküdar, così come Bakırköy, era in realtà una città separata da Istanbul. Si tratta della antica Scutaro, che in epoca bizantina ospitava il palazzo omonimo. Si chiamava in realtà Crisopoli in origine, e fu fondata da Alcibiade nel 409 AC, a pochi passi da quella Calcedonia che verrà anch’essa inglobata da Istanbul.

In una posizione particolarmente difficile da proteggere, Üsküdar subirà diverse occupazioni e devastazioni, che purtroppo nulla hanno lasciato dell’epoca Bizantina al turista che arriva oggi a Istanbul.

Fu conquistata dai turchi circa 100 anni prima di Costantinopoli, e fu praticamente da subito uno dei luoghi preferiti dalle mogli del Sultano, che la adornarono con splendide moschee ed edifici che ancora oggi possono essere visitati.

Come raggiungerla

– in vaporetto: potete raggiungere Üsküdar con il traghetto che parte ogni 30 minuti da Kabataş.

– in auto: bisogna passare il ponte, e poi seguire le indicazioni

– in metrobus: bisogna scendere all’ultima fermata, poi prendere un autobus o un dolmus.

Cosa c’è da visitare?

Iskele Camii

Si chiama appunto la moschea del porto, e domina l’arrivo dei traghetti dalla parte europea della città. Fu costruita da Sinan, il più popolare degli architetti ottomani, per contino di Mihrimah Sultan, figlia di Solimano il Magnifico e moglie del gran visir Rüstem.

Gli esterni sono semplicemente incredibili, e possono essere ammirati anche dall’altro lato della città. Gli interni sono forse meno suggestivi, soprattutto se prima si è visitata la Moschea Blu. 

Yeni Valide Camii

Poco distante da Iskele Camii, sulla piazza principale di Üsküdar, c’è la moschea di Yeni Valide, costruita durante il 18^ secolo. Facciata incredibile in legno, che apre su interni che dovreste cercare di visitare a tutti i costi. Forti gli influssi barocchi, che poi ritroveremo in tutti gli edifici di questo periodo.

Şemşi Paşa Camii

Uscendo da Yenı Valide Camii e andando verso sinistra troveremo una delle più belle piccole moschee di Mimar Sinan. Colpisce per le sue pietre bianchissime, che danno direttamente sul Bosforo.

Il complesso di Ahmediye

Si tratta dell’ultima grande costruzione in stile classico ottomano, che poi verrà abbandonato dai turchi, che gli preferiranno stili più europei. Fu commissionato dal capo dell’arsenale di Ahmet III, e presenta bassorilievi in marmo che sono il fiore all’occhiello del periodo classico Ottomano.

Il cimitero di Karaca Ahmet

Uno dei punti più famosi di Üsküdar. Si tratta di un cimitero piuttosto pittoresco, forse il più famoso fuori dalle porte della città vecchia. Sconfinato, offre una camminata all’ombra di magnifici cipressi, accompagnandoci con tombe di rara bellezza, soprattutto nel caso di quelle dei grandi dignitari dello stato ottomano.

Torre di Leandro

In turco, più suggestivamente, la Torre della Ragazza. SI tratta di quella torre che potrete ammirare mentre arrivate a Üsküdar via vaporetto. E’ su un isolotto minuscolo a 200 metri dalla costa, e potrete raggiungerla con delle piccole barche (6 lire il biglietto), che partono ogni 15 minuti da Salacak.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons