Tutto sui taxi di Istanbul – costi, percorrenze e guida all’uso

taksi istanbulChi vive in Italia potrebbe avere più di qualche remora a salire su un taxi. Non è così ad Istanbul, una città dove il taxi non è la prerogativa dei ceti medio alti. I costi sono contenuti, si trovano di frequente e portano praticamente in ogni parte della città.

Abbiamo preparato per voi una guida completa ai taxi di Istanbul, per permettervi di spostarvi senza problemi in una città che è comunque enorme.

Di che colore sono i Taxi a Istanbul?

Sono tutti gialli e riportano sulla fiancata il numero identificativo in blu, accompagnato dal nome dell’azienda che fornisce il servizio. Su questo punto discuteremo più avanti, vi basti sapere che non dovrete salire su una macchina che non sia gialla. Non ci risultano casi di tassisti abusivi, ma prevenire è sicuramente meglio che curare.

Tutte le vetture hanno un numero identificativo, che potrete utilizzare per effettuare reclami alla polizia, che provvederà a rintracciare il veicolo in pochi minuti.

Costano molto?

No, i prezzi sono assolutamente abbordabili. Il costo di chiamata è di circa 1€, che è poi il prezzo dal quale partirà il tassametro. Dopo pagherete sulla distanza/tempo, con prezzi che comunque non superano i 20€ per una tratta piuttosto lunga come quella che va da Sultanahmet all’aeroporto Atatürk.

Molte volte il taxi vi risparmierà delle lunghe camminate, anche se dovreste sempre ricordarvi che molte zone della città sono trafficatissime: il taxi difficilmente riuscirà a farvi risparmiare tempo se dovete arrivare a Beşiktaş o a Nişantaşı.

Lo stesso vale se dovete muovervi sulla E5: meglio utilizzare il metrobus.

Dove trovarli?

I taxi di Istanbul sono praticamente ovunque. Ne troverete diversi ad aspettarvi fuori da ogni principale fermata dei mezzi, e anche fermandovi in strada non dovrete poi aspettare molto prima di vederne uno passare.

Per chiamarli basta sollevare una mano. Il conducente si fermerà e vi farà salire a bordo.

Il tassametro sempre acceso

Al contrario di quanto avviene in tante zone d’Italia, il tassametro in Turchia è sempre acceso. Lo troverete o vicino all’autoradio, o a display direttamente sullo specchietto interno. Potete fidarvi ciecamente di quello che viene scritto, dato che tutti sono regolarmente ispezionati dalle autorità per verificarne il funzionamento.

Esistono i taxi collettivi?

Si, anche se dovrete farvene organizzare uno dal vostro hotel.

Cosa sono quei furgoncini gialli che sembrano taxi e hanno la scritta dolmuş?

Sono appunto i dolmuş gialli, che al contrario di quelli blu fanno tratte più lunghe, e si fanno pagare anche di più. Ce ne sono tantissimi che vanno in direzione taxi da qualunque parte della città, ma il loro funzionamento non è assolutamente quello di un taxi.

Si fermeranno su richiesta, senza però poter deviare il percorso per farvi arrivare in un posto. Attraversano in genere le vie principali: chiedere al conducente la fermata più vicina alla vostra destinazione finale è sempre una buona idea. Anche se non parlate turco riusciranno a farvi capire dove fermarvi per raggiungere il posto che desiderate.

Si trovano di notte?

A Istanbul ci sono taxi a tutte le ore del giorno e della notte. Parliamo di una città che non dorme mai e potrete per questo motivo trovare un mezzo a qualunque ora lo desideriate. Se dovete arrivare in aeroporto a notte fonda, comunicatelo all’hotel, che gratuitamente chiamerà la compagnia di taxi più vicina per farvi accompagnare, senza sovrapprezzi e pagando soltanto la corsa.

Taxi all’americana

In Turchia i tassisti non sono dei piccoli padroncini come in Italia. Le licenze sono in genere in mano a compagnie medio-grandi, che poi assumono degli autisti, come funziona in Italia per le compagnie di autobus.

Si tratta di un sistema che ha contribuito ad abbassare, e di molto, il costo delle licenze, che grazie ai turnover vengono utilizzate 24 ore su 24 e non poche ore al giorno come in Italia.

 

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons