Che cos’è l’iskembe corbasi, come si consuma e perché mangiarla

iskembe corbasiTorniamo a parlare di cucina tradizionale turca e lo facciamo con un piatto che, soltanto ieri, avevamo incluso nella nostra specialissima lista di cibi assurdi made in Turchia. Parliamo infatti dell’iskembe corbasi, una delle zuppe più comuni e popolari del paese, che per chi ha qualche problema con le interiora sembrerà, purtroppo, immangiabile.

Se siete invece tra coloro che con le zuppe e con le interiora vanno letteralmente a nozze, questa è la ricetta che fa per voi. Si tratta di un piatto che consigliamo nel modo più assoluto, anche per rompere un po’ quella monotonia che riguarda il kebab e i dolma, i piatti tradizionali di cui i turisti si abbuffano quando arrivano in Turchia.

Che cos’è l’iskembe corbasi?

Si tratta di una zuppa che prevede come ingrediente principale la trippa. Questa però non viene saltata in padella e poi cotta nel sugo, come si fa in Italia, ma preparata a mo’ di zuppa, con contorni di aglio, uova, yogurt e limone. Si tratta di una preparazione che è estremamente popolare nel paese, anche perché, come vedremo più avanti, è ritenuta estremamente efficace per combattere il mal di testa post-sbornia.

Si tratta di un piatto dal sapore decisamente forte, che non è ovviamente conferito dalla trippa, che ha un sapore molto delicato, ma piuttosto dalle grandi quantità di aglio che sono presenti all’interno di questo piatto.

Viene accompagnata in genere da pane caldo e viene consumata ad ogni ora della giornata, anche al mattino, a patto che ovviamente abbiate uno stomaco particolarmente forte.

È buona?

Si tratta di un giudizio che non può che essere estremamente personale. L’iskembe corbasi è una zuppa che ha un sapore molto forte, conferito dall’aglio, e che necessita di una certa dimestichezza con le interiora, dato che la trippa è anche tagliata a pezzi relativamente grossi.

Per questo motivo la consigliamo soltanto a coloro che hanno una certa predilezione per i cibi “forti”, quelli che in genere necessitano di un gusto acquisito. 

Il nostro consiglio è di provarci, soprattutto se la sera prima ci siamo lasciati andare a bisbocce a base di alcol, magari proprio di raki!

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons