E’ davvero proibito l’alcol in Turchia?

birra-turchiaLe ultime notizie che sono apparse sui giornali italiani hanno fatto un po’ di confusione. Secondo quanto apparso sulle maggiori testate, si potrebbe intendere che il governo di Erdoğan abbia imposto un blocco totale alle vendite di alcol.

Chi è stato di recente a Istanbul saprà bene che le cose non stanno esattamente così. I turchi e i turisti continuano a bere, e lo fanno in maniera assolutamente legale.

Vediamo insieme cosa è cambiato per i consumatori di alcol della Sublime Porta.

No alla vendita? Solo in alcuni posti

Il divieto di vendita di alcolici scatta dalle 22 e termina alle 6. Non tutti gli esercizi commerciali devono attenersi al divieto. La legge infatti va a colpire solo bufe (quei piccoli chioschi che vedrete a migliaia a Istanbul), rivendite del monopolio e supermercati.

Ristoranti e pub, nonché tutti i posti che hanno anche una licenza per la somministrazione di alcol potranno continuare a vendere senza alcun tipo di problema.

E quindi? Posso bere?

Si, puoi bere, ma non puoi acquistare dalle più economiche rivendite di birra. Dovrai andare al pub o al ristorante, spendendo qualche lira in più.

Non ti preoccupare di infrangere divieti, i negozianti si rifiuteranno di venderti alcol dopo le 22, citando la legge che ha proibito le vendite.

Nel frattempo i pub si attrezzano

Una cosa prevedibile. E’ tornato una serie di contrabbando a Istanbul, che non si vedeva dagli anni bui del colpo di stato. Nei posti più trafficati non è difficile vedere proibitissimi banchetti di alcolici e pub e ristoranti si stanno attrezzando con consegne a domicilio. 

Chiamate, ordinate una pizza, e chiedete una birra inclusa. Puff, risolto il problema.

Articoli che ci piacciono

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Inturchia.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons